Cessione del quinto per pensionati

La cessione del quinto per pensionati è un prestito che permette di rimborsare le rate con un addebito automatico sulla pensione.

L’importo di ciascuna rata non può superare un quinto della pensione stessa (quindi il 20%) ed il rimborso viene gestito direttamente dall’ente pensionistico.

Il prestito con cessione del quinto della pensione può avere una durata massima di 120 rate ( ovvero 10 anni) ed è prevista la sottoscrizione di una polizza assicurativa sulla vita, che tutela la banca qualora il pensionato muoia prima di rimborsare l’intero prestito.

Sono necessarie garanzie? Assolutamente no. Per la banca è sufficiente la pensione stessa come garanzia che attesti il buon merito creditizio del pensionato.

Tuttavia non tutti i pensionati possono ottenere una cessione del quinto.

Vediamo quali sono e perché.

Tutti i pensionati possono richiederla? Quali sono esclusi

Possono richiedere una cessione del quinto della pensione tutti i pensionati INPS ed EX INPDAP ad eccezione di coloro che percepiscono assegni sociali, di invalidità o di sostegno al reddito.

Inoltre la rata di rimborso del prestito non può intaccare la quota di minima che, al momento è fissata a 501,89 euro.

Ciò significa che se la pensione è pari a questa somma, o inferiore, la cessione del quinto non potrà essere erogata.

Quali sono i documenti da presentare per richiedere la cessione del quinto per pensionati

I documenti necessari per richiedere il prestito sono i seguenti:

  • comunicazione di cedibilità da parte dell’INPS;
  • documenti d’identità;
  • codice fiscale;
  • CUD;
  • cedolino della pensione.

Se la banca è convenzionata con l’INPS potrà richiedere la comunicazione di cedibilità telematicamente ed il pensionato non dovrà preoccuparsene.

In che modo viene calcolata la rata

Calcolare la rata di una cessione del quinto per pensionati è di fatto molto semplice.

Basterà dividere l’importo della pensione per 5. Tuttavia sarà anche necessario verificare che non si vada a toccare la quota della pensione minima.

Come facciamo a fare questo controllo? Ecco un esempio.

Supponiamo di avere una pensione di 600 euro. Dividendo per 5 questo importo otteniamo una rata di 120 euro. Tuttavia 600 euro – 120 euro è uguale a 480 euro che corrisponde ad un importo più basso dei 501,89 euro della pensione minima.

Ciò significa che in questo caso, per calcolare la quota di pensione cedibile dovremmo fare 600 euro – 501,89 euro, che sarà 98,11 euro.

Questo sarà l’importo massimo cedibile.

Inoltre l’INPS dovrà fare un ragionamento analogo qualora il richiedente abbia già altri prestiti in corso (a tal proposito guarda l’articolo sul doppio quinto o sul richiedere un prestito con una cessione del quinto in corso).

Proseguendo sul nostro esempio, l’importo di 98,11 euro dovrà sempre essere preso come limite di riferimento anche se i prestiti (e quindi le rate mensili) dovessero essere più di uno.

Il pensionato cosa deve fare?

Per poter richiedere un prestito con cessione del quinto per pensionati il richiedente dovrà rivolgersi all’INPS per ottenere la comunicazione di cedibilità.

Si tratta di un semplice procedimento con cui l’ente pensionistico verifica se sussistono tutti i requisiti affinché il pensionato possa effettivamente ottenere il prestito con la cessione del quinto.

L’INPS, quindi, andrà a controllare:

  • se sussistono altri prestiti che vanno ad intaccare il 20% cedibile della pensione;
  • se la pensione non rientra tra le categorie escluse (di cui ti ho parlato all’inizio);
  • se la rata non intacca la quota di minima.

Come vengono tutelati i pensionati

I pensionati sono altamente tutelati perché l’INPS verifica attentamente la sussistenza di molte condizioni:

  • la banca deve essere in possesso di tutti i requisiti richiesti dalla legge per poter erogare prestiti;
  • i tassi di interesse devono essere al di sotto dei livelli di usura;
  • nel contratto del prestito devono essere presenti tutte le informazioni relative alle spese (polizza, spese di istruttoria ecc…).

Le banche convenzionate con l’INPS

Molte cessioni del quinto per pensionati possono essere richieste presso banche convenzionate con l’INPS che erogano finanziamenti a tassi agevolati.

Clicca qui per conoscere tutte le banche convenzionate con l’INPS.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui