Investimenti e Coronavirus: come comportarsi

Investimenti e Coronavirus: come comportarsi
Ultima modifica Ottobre 19, 2021

Il coronavirus sta provocando forti tensioni sui mercati finanziari ed è quindi necessario riguardare i propri investimenti, da un lato, cercando eventuali opportunità e dall’altro contenendo eventuali danni sul nostro patrimonio.

Per questo il nostro articolo si dividerà in due parti:

  • come gestire il rischio;
  • come sfruttare eventuali opportunità.

Un ottimo strumento per gestire i tuoi risparmi in modo prudente, secondo il grado di rischio di rischio che preferisci, è Moneyfarm, una società di consulenza finanziaria indipendente.

Puoi andare sul sito di Moneyfarm cliccando sul pulsante che trovi qui in basso.

Le opportunità sui mercati finanziari

Per via del coronavirus tantissime rischiano il fallimento con uno stop che blocca tutte le attività produttive. Già dal primo lockdown le borse mondiali ne hanno risentito e parecchi investitori hanno agito d’impulso vendendo subito le azioni di cui erano in possesso.

Allo stesso tempo, alcune aziende stanno beneficiando di questa psicosi e gli investitori più lungimiranti non si sono fatti prendere dal panico perché, dopo l’iniziale crollo, piano piano si sono riprese.

Ma quindi coosa fare? Conviene investire sui titoli azionari che beneficeranno di questa crisi?

Il settore farmaceutico, ad esempio, sta beneficiando di questa situazione per ovvi motivi.

Le aziende che producono mascherine e prodotti lavamani stanno vivendo un periodo più che positivo per produttività ed introiti e questa tendenza non farà altro che aumentare fino a quando l’emergenza da Covid non finirà del tutto.

Altro settore che sta beneficiando della crisi legata al corona virus è lo smart working o anche quelle aziende che offrono servizi on-line.

Un altro comparto che sta vivendo un periodo florido è quello alimentare, per via della corsa agli acquisti di generi alimentari, per paura di restrizioni

Ma quindi bisogna correre a comprare i titoli delle aziende che operano nei settori che stanno beneficiando della psicosi coronavirus?

Prima di fare una valutazione del genere, bisogna fare alcune considerazioni e guardare prima di tutto alle aspettative.

Non pensare che nessun altro abbia pensato a scovare opportunità in questo contesto, infatti i mercati finanziari si muovono sulla base delle aspettative. 

Infatti appena c’è una notizia subito i mercati comprano o vendono quel titolo in funzione di quello che avverrà in futuro.

Quindi, il fatto che tu decida di comprare un titolo di una catena di supermercati oppure di aziende che beneficiano dello smart working potrebbe essere comunque troppo tardi perché i mercati comunque anticipano quello che avverrà nel futuro quindi assumendoti il rischio che tu possa pagare troppo un titolo.

A questo punto, facciamo un altro passo indietro e ti spiegherò brevemente una teoria molto importante in questo contesto che si chiama la teoria dell’efficienza dei mercati finanziari.

Come funziona la teoria dell’efficienza dei mercati

La teoria dell’efficienza dei mercati finanziari dice che appena arriva una notizia sui mercati finanziari esso di adegua, quasi istantaneamente, a quel prezzo.

Nella realtà, però, i mercato non sono così efficienti e quindi potrebbe esserci spazio per comprare dei titoli interessanti.

Ciò che devi fare è una valutazione sul singolo titolo e su quanto questa situazione di emergenza crea variazioni sul bilancio di quella azienda. 

Facciamo un esempio con l’Amuchina del gruppo Angelini.

Questo forte incremento delle vendite quanto potrà incidere sul bilancio di Angelini?

Prima di comprare un titolo valuta appunto questa cosa in funzione ovviamente del prezzo prima della crisi e dopo la crisi. 

Rischio specifico ed il rischio di mercato

Altra considerazione che devi fare è che anche il miglior titolo azionario potrà essere travolto da questa crisi.

Questo rischio si chiama rischio specifico

Infatti il grosso degli investimenti è detenuto dai fondi di investimento che poi vendono le proprie quote ai risparmiatori.

Il risparmiatore, per paura dell’apocalisse, decide di vendere il titolo e cosa succede ai fondi di investimento?

I fondi di investimento saranno costretti a vendere tutti i titoli che fanno parte della quota che vuole vendere cliente buoni e brutti.

Il fondo di investimento è obbligato vendere la percentuale precisa e degli nel portafogli non può decidere lui che cosa vedere cosa no e quando c’è una paura sui mercati finanziari e tutti vendono, i fondi di investimento devono vendere tutti i titoli.

Saranno costretti a vendere anche i titoli buoni e quindi anche l’azienda interessante, per effetto delle elevate vendite, perderà in borsa.

Ecco la vera opportunità

L’opportunità vera è quindi quella di tenere monitorate le aziende che sai non avranno impatti su questa crisi e seguire il prezzo così potrai iniziare a comprarle a piccole trance, con la stessa metodologia che si utilizza per i piani di accumulo capitale. 

Esempio: vuoi investire €10.000 nell’azione X che ti sembra convincente?

Fai 10 acquisti da €1000 ogni tot di tempo, per esempio ogni mese.

Quando la crisi sarà passata ed il titolo riprenderà a correre, ti troverai con un prezzo medio molto basso e beneficerai di rendimenti interessanti.

I rischi sugli investimenti del coronavirus

Se hai degli investimenti, il rischio riguarda la gestione dei ribassi del mercato e quindi bisogna gestire le perdite.

Innanzitutto, dovresti avere un patrimonio ben diversificato a livello mondiale e pertanto non devi vedere la situazione italiana ma devi osservare la situazione economica europea e mondiale .

Questo perché l’Italia, sul peso degli investimenti internazionali, arriva anche a pesare meno del 1%.

Qual è la causa che porta a questo caos dei mercati?

I giornali ci dicono essere il coronavirus ma questo virus sta portando una decimazione della popolazione mondiale?

Le attività sono ferme come l’Italia e questo porterà ad una recessione economica?

Queste domande ti permettono di capire quanto c’è di reale nel vedere i corsi azionari andare giù e quanto c’è di panico.

Se si prospetta una forte recessione a livello mondiale, allora ha senso fare valutazioni di disinvestimento.

Altrimenti se a livello mondiale non ci saranno forti variazioni del prodotto interno lordo allora rischi di uscire dai mercati nel prezzo più basso. 

Fatte queste precisazioni, ecco alcune strategie che puoi mettere in atto per cercare di marginare le perdite e gestire le tue ansie.

Le regole della gestione del rischio 

Se hai investito in fondi di investimento ed il tuo obiettivo è a lungo termine, allora la cosa migliore è quella di non toccare nulla e lasciare ai gestori del fondo il compito di cercare di arginare le perdite.

Se i i tuoi investimenti sono prevalentemente obbligazionari anche in questo caso non fare nulla.

Per te il problema non è tanto una recessione economica ma un rialzo dei tassi di interesse e in una fase di recessione economica l’ultima cosa che può saltare in mente alla Banca Centrale Europea è quella di alzare i tassi .

Infatti tassi aumentano solo quando c’è una ripresa dell’economia.

Se hai investito in singoli titoli azionari, allora devi fare un lavoro di scelta.

Su quali titoli questa crisi non va ad impattare e su quali titoli il fatturato andrà a variare sensibilmente?

Una volta individuati i titoli che sono più a rischio, come per esempio il settore viaggi, allora dovrai vedere quando il titolo ha perso e se vale la pena venderlo.

Evita di investire altri soldi sul singolo titolo per mediare al abbassamento prezzo perché sarebbe una delle cose più pericolose per chi fa investimenti in azioni.

Se hai dei fondi di investimento e pensi di poter usufruire di questi soldi nel giro di pochi anni, un’altra cosa che potresti fare è quella di vendere la metà e alimentare questa liquidità in più con dei piani di accumulo capitale.

In modo puoi beneficiare di rialzi del mercato quando tutto rientrerà nella norma.

Ultimo accorgimento è quello di lasciare invariato il portafogli ma comunque disinvestire una parte non rilevante e comprare strumenti non correlati tra loro.

come investire in oro

Un esempio classico è quello dell’investimento in oro su cui abbiamo creato un corso molto molto interessante che ti spiegherà come investire in oro in modo corretto, quando entrare nel mercato, la fiscalità e la correlazione con gli altri mercati al fine di poter guadagnare da questa attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.