Piani di accumulo: come funzionano nel 2021

Il piano di accumulo, noto anche come PAC o piano accumulo capitale, permette di investire versando somme periodiche che saranno impiegate per l’acquisto di strumenti finanziari come fondi d’investimento o ETF. L’importo dei versamenti andrà via via aumentando in modo graduale, così da accrescere in modo costante il tuo investimento.

Uno dei migliori piano d’accumulo capitale in Italia, al momento, è offerto da Moneyfarm, votato per 6 anni consecutivi come il miglior servizio di consulenza finanziaria indipendente in Italia.

In ogni momento puoi interrompere i versamenti oppure modificarne gli importi accrescendo il tuo capitale e proteggendolo dall’inflazione.

Ricorda che il piano d’accumulo è perfetto per fare investimenti a lungo termine, ad esempio per garantire un futuro finanziario sereno a figli o nipoti.

Puoi simulare un piano di risparmio su Moneyfarm:

Cos’è il piano accumulo capitale?

Il piano accumulo capitale è una forma di investimento automatizzata con un importo ed una scadenza prefissata. Per semplificare, pensa al PAC come una sorta di bonifico periodico con cui affidi parte del tuo capitale che verrà investito.

Sei tu a decidere:

  • l’importo che dovrà essere prelevato in automatico dal tuo conto corrente;
  • in quale giorno verrà prelevato;
  • la periodicità (mensile, bimestrale ecc…).

In qualsiasi momento puoi disinvestire le somme del piano d’accumulo o fare tutti i cambiamenti che vuoi agendo ad esempio su durata, importo o periodicità.

I fondi vengono fatti confluire nel risparmio gestito, ovvero fondi che hanno una valorizzazione giornaliera. Questa valorizzazione può essere più elevata o più bassa rispetto a quanto tu hai investito a seconda del grado di rischio del fondo di investimento.

Quindi, in sostanza, accantoni delle somme che soprattutto nella parte iniziale possono portarti a delle perdite perché le oscillazioni sono al ribasso ed al rialzo. Ma queste oscillazioni non sono una cattiva notizia. In un pac, infatti, le oscillazioni sono un vantaggio e tra poco scoprirai perché.

Perché devi fare un piano di accumulo?

pac

Un piano di accumulo serve essenzialmente per incrementare (o creare) il tuo patrimonio per le esigenze future o per ridurre migliorare il rapporto rischio/rendimento dei tuoi investimenti.

Per creare o incrementare il tuo patrimonio

Il piano di accumulo lo fai principalmente per creare una ricchezza che ti servirà in futuro: immagina la formichina che mese per mese accantona una somma e fine del periodo si trova un bel gruzzoletto.

In più questa somma avrà una rivalutazione del capitale. Mettendo invece semplicemente i soldi nel salvadanaio o nel conto corrente, non avrai una rivalutazione del tuo capitale e avrai una perdita in termini reali.

Quindi con il passare del tempo i prezzi dei beni e servizi come il pane ecc, aumentano ed i tuoi soldi restano sempre gli stessi. La perdita in termini reali è una questione molto importante che tutti devono considerare perché ad esempio dal 1996 ad oggi il valore dei tuoi soldi non investiti si è più che dimezzato.

Per migliorare il rapporto rischio/rendimento dei tuoi investimenti

Con il piano di accumulo capitale investirai nel bello e nel cattivo tempo, cioè in fasi di ribasso e rialzo dei mercati finanziari e non avrai mai il problema sbagliare il momento di ingresso di un investimento.

Prendiamo come esempio il fondo Eurizon azioni europee: Immaginiamo Franco che ad a novembre del 2000 decide di investire in azioni europee. Guardiamo il grafico dal 03 NOVEMBRE 2000 al 04 dicembre 2017: Come si vede, il 2000 è stato il peggior momento di ingresso nei mercati finanziari.

La quota del fondo infatti il 03 novembre del 2000 valeva 40,574 euro. mentre al 03 ottobre 2017 la quota valeva solo 38,36 euro Dopo ben 17 anni il cliente ha avuto una perdita del 5,46%.

Con un investimento di 20.400 euro ci siamo ritrovati di fronte ad una perdita di 1497,36 euro. Ma quel che è peggio è che il 24/03/2009 la quota valeva 19,023 con una perdita del 53,12% pari a 10.836 euro. Tutto questo dopo nove anni.

Immagina di investire 20.400 euro e di vedere che hai perso oltre 10.000 euro. Come ti sentiresti? Vediamo cosa sarebbe successo con lo stesso budget ma con un Piano di Accumulo Capitale con un investimento quindi pari a 100 euro al mese per 17 anni: Il risultato sarebbe stato del 3,31% annuo pari a 27.292,70 rispetto a 20.400 versati con un guadagno di quasi 7.000 euro!

La cosa incredibile è che stiamo parlando dello stesso investimento e dello stesso orizzonte temporale. Cambia solo il metodo.

Puoi verificare personalmente a questo indirizzo. E la cosa incredibile è che i soldi non sono stati investiti tutti subito ma spalmati in ben 17 anni. In realtà anche il pac si è trovato con un momento in perdita ma sicuramente ben al di sotto della perdita che il fondo avrebbe ottenuto versando tutti i soldi in un’unica soluzione. Questo dimostra che il piani di risparmio hanno la funzione di ridurre il rischio.

Per chi è indicato l’investimento nei piani di risparmio:

Per imprenditori e titolari di Partita Iva

I titolari di partita iva e comunque gli imprenditori sono quelli che saranno maggiormente penalizzati quando andranno in pensione. Inoltre gli imprenditori e titolari di partita iva hanno una variabilità dei risultati quindi è importante quando possibile, accantonare delle somme per periodi di magra.

Per il genitore che decide di accantonare le somme per i propri figli

Chi ha i figli sa benissimo quanto costano e sempre di più costa la loro formazione. E’ importante non farsi cogliere impreparati quando i tuoi figli vorranno andare all’università

Per chi ha un profilo di rischio cauto ma non si accontenta di rendimento che offre il mercato

I pac permettono di beneficiare delle opportunità dei mercati finanziari contenendo il rischio. Inoltre i Pac riducono notevolmente l’ansia da investimento. La componente dell’ansia è un elemento molto importante quando bisogna investire.

Tu potrai leggere tutto quello che vuoi ma poi, se fai un investimento e dopo due anni ti trovi con una perdita del dieci percento sei capace di sostenere psicologicamente quella perdita oppure vai in panico? Siccome con il piano di accumulo di capitale dilazioni gli investimenti, in caso di perdita hai una maggiore tranquillità perché non hai impiegato tutta somma destinata a quell’investimento.

Sai infatti che i successivi versamenti li fai facendo su degli investimenti ad un prezzo più basso e quindi con maggiori potenzialità di guadagno.

Qual è il migliore orizzonte temporale di un pac?

Se hai un orizzonte temporale lungo (superiore a 15 anni) il migliore pac è quello azionario. Ma vacci piano, devi comunque sempre confrontarti con la tua ansia.

Investimento PAC: a chi rivolgersi nel 2021

La cosa importante di un piano d’accumulo di capitale è che abbia dei bassi costi digestione e commissioni di ingresso. Quando creai un pac ci si augura che tu lo abbia per tanti anni e una piccola variazione della commissione può impattare pesantemente sul tuo rendimento finale.

Uno dei migliori fondi di accumulo è quello fatto con Money Farm, una società di gestione del risparmio indipendente che, proprio in questi ultimi giorni, ha raggiunto un miliardo di euro di soldi in gestione dai risparmiatori. Fa un buon lavoro di gestione e ha delle commissioni davvero basse per te.

Non ha i costi di struttura che ha una banca e quindi può permettersi di pagare meno i risparmiatori. Come tutte le società di gestione del risparmio, anche in questo caso i tuoi soldi sono al sicuro perché non fanno parte del capitale della società e quindi se un domani dovesse esserci un fallimento quei soldi non possono essere intaccati, dai creditori e né tanto meno prelevati dagli amministratori.

Come ridurre ulteriormente i rischi?

Per ridurre ulteriormente i rischi dell’investimento quando fai un pac è bene scegliere almeno due piani. Se per esempio hai un budget di soli 100 euro al mese, puoi fare 100 euro bimestrali su un pac e 100 euro bimestrali su un altro pac.

Aggiornamenti piano di accumulo capitale 2021

Il 2020 è iniziato con notizie davvero allarmanti, come la riduzione della crescita in Germania, il coronavirus, il rischio di una terza guerra mondiale  ed anche un rallentamento dell’economia globale. Tutte cose che, di certo, non ti fanno venire voglia di investire e quindi ha senso iniziare un piano di accumulo capitale quando ci sono notizie così negative?

La risposta è assolutamente sì, per un motivo importante. Il bello dei pac è che non ti devi preoccupare del timing, ovvero del momento di ingresso, perché anche in momenti di crisi, appena il mercato si riprende, fai veramente rendimenti interessanti.

Quindi paradossalmente acquistare o iniziare a fare un piano di accumulo capitale in momenti di crisi del mercato è comunque una scelta saggia. Detto questo, ti conviene sin da subito iniziare un piano di accumulo capitale, perché questa è l’unica forma di investimento il cui momento non è mai sbagliato.

Conclusione

Il piano di accumulo ti permette di:

  • Migliorare il rapporto rischio/rendimento del tuo investimento;
  • Crearti una ricchezza per il futuro;
  • Vivere con meno ansia gli investimenti in caso di perdita.

Ho una laurea in economia ed una in finanza Banche e Assicurazioni. Ho fatto il consulente finanziario ed ho lavorato 10 anni e 4 mesi in banca. Mi occupo prevalentemente di finanza agevolata e investimenti.

2 Commenti

  1. Complimenti per l’articolo, ma avrei una domanda, nel caso in cui si disponesse già tutta la somma da investire, come si potrebbe parcheggiare la liquidità in attesa di essere investita nel pac?

    Grazie

    • Visti i tassi di interesse bassi, per avere rendimento ci se deve spostare su scadenze obbligazionarie di qualche anno e quindi per ottimizzare i rendimenti dovresti usare la liquidità che userai a partire da 4/5 anni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui