Conto multivaluta: come funziona e quale attivare

Conto multivaluta: come funziona e quale attivare
Ultima modifica Novembre 15, 2021

Cosa sono i conti multivaluta? Nient’altro che conti correnti che permettono di gestire le proprie finanze in più valute, consentendo al contempo il mantenimento di un unico rapporto per quanto riguarda il proprio conto.

Sarà l’utente a indicare le valute di riferimento, potendo comunque effettuare transazioni nelle altre divise che il conto permette di utilizzare.

Ma andiamo ad esaminare meglio la questione e, soprattutto, a cercare di capire in maniera più compiuta la reale utilità di uno strumento finanziario funzionale come i conti multicurrency.

Se invece vuoi fin da subito conoscere un buon conto corrente che offre il servizio di multicurrency, ti segnalo Bunq, un conto online che oltre a questa funzionalità offre tantissimi altri vantaggi come la possibilità di poter aprire fino a 25 sotto conti, ciascun con iban italiano dedicato.

Vai sul sito ufficiale del conto multivaluta Bunq >>

INDICE
  1. A cosa serve un conto multivaluta?
  2. Come funziona il conto multivaluta
  3. Attenzione alla tassazione dei conti multicurrency
  4. A chi può convenire l’apertura di un conto multivaluta?
  5. Chi offre conti multivaluta?

A cosa serve un conto multivaluta?

conti correnti multivaluta

Anche in Italia sono sempre di più le persone che hanno bisogno di utilizzare conti correnti multivaluta.

I conti multivaluta sono ottimi per le persone che ricevono pagamenti non solo in euro. Sarà possibile incassare in valute diverse dall’euro senza il rischio di ritrovarsi meno soldi con il cambio con l’euro a causa di repentini deprezzamenti.

Vuoi aprire un conto multivaluta? Prova quello offerto da Bunq >>

La convenienza di un conto multivaluta

Basta attivare l’opzione multicurrency, con pochi passaggi, per poter avere a propria disposizione veri e propri conti correnti paralleli, in valute diverse dall’euro.

Potrai scegliere non soltanto tra valute solide come il dollaro statunitense, la sterlina britannica o il franco svizzero, ma anche quelle in vigore nei cosiddetti Paesi emergenti.

Grazie a questo genere di conto gli investitori più accorti, in particolare quelli i quali sono soliti seguire in maniera costante l’evoluzione dei mercati monetari, possono agire in tempo reale al fine di riuscire ad approfittare delle fluttuazioni del valute delle valute.

Ad esempio, spostando la propria liquidità da un conto all’altro, nel caso in cui una valuta si rafforzi decisamente rispetto ad un’altra o nel caso inverso, in modo da approfittare di quanto sta accadendo.

In cambio di quest’opportunità dovrai pagare un commissione, la quale può essere più o meno esplicita dall’istituto bancario. In alcuni casi, ad esempio, lo spread applicato alle operazioni intraprese potrà essere più robusto che in altri casi.

Come funziona il conto multivaluta

Ma come vanno utilizzati i conti correnti multivaluta? Il primo passo è individuare la valuta su cui settare le proprie operazioni, per poi modificarla e provvedere al suo caricamento sul conto multivaluta.

E’ da notare che la transazione avviene praticamente in tempo reale, con il cambio della cifra stabilita in euro nella divisa scelta. Ciò vuol dire in pratica che, da questo momento, agli investimenti nella seconda valuta non saranno applicate altre commissioni. Le quali torneranno a gravare soltanto nel momento in cui si decida eventualmente di riconvertire i guadagni resi possibili dall’operazione in euro.

Una operazione la quale avverrà presumibilmente quando l’utente potrà approfittare di un momento favorevole nel cambio tra le due valute.

Alle commissioni che abbiamo già ricordato, occorre aggiungere una sola spesa, quella relativa all’imposta di bollo, la quale è prevista una volta all’anno.

A meno che la banca cui si è deciso di accendere il proprio conto non decida diversamente, per propri fini promozionali. Occorre anche aggiungere che l’imposta di bollo andrà a riguardare tutti i conti paralleli i quali saranno stati aperti, separatamente. Chi ha aperto quattro conti di questo genere, quindi, dovrà pagarla quattro volte, ove prevista.

Vuoi aprire un conto multivaluta? Prova quello offerto da Bunq >>

Attenzione alla tassazione dei conti multicurrency

conto multicurrency

Un aspetto particolare dei conti multicurrency è quello legato alla loro tassazione. Nel caso in cui la giacenza sul conto vada a superare il limite di 51.645,69 euro per non meno di sette giorni lavorativi consecutivi durante l’anno, la banca è tenuta a comunicare quanto avvenuto all’Agenzia delle Entrate.

A chi può convenire l’apertura di un conto multivaluta?

Il conto multivaluta può essere interessante per chi magari lavora spesso all’estero e necessita quindi di conti in valuta diversa dall’euro. Oppure lavora online, ma con clienti esteri, e ha quindi analoghi problemi.

Le continue operazioni di cambio possono rivelarsi estremamente gravose. Mentre, approfittare di questa opzione, consente di pagare una commissione nel momento del cambio, senza però dover versare costi aggiuntivi per la gestione del denaro cambiato.

Vai sul sito ufficiale del conto multivaluta Bunq >>

Chi offre conti multivaluta?

carta bunq business multivaluta

Ad offrire conti multivaluta sono ormai molti istituti bancari, in particolare gli istituti i quali puntano con decisione sull’offerta di servizi sempre più innovativi.

A partire da Bunq, il conto online online proposto praticamente in ogni parte del vecchio continente da una banca olandese. Il servizio consente di aprire sino a 25 conti bancari, ognuno dei quali dotato di IBAN italiano. Cui se possono aggiungere altri, all’occorrenza, a pagamento.
A testimoniare le robuste dosi di innovazione le quali caratterizzano il conto Bunq è soprattutto la possibilità di fare leva su una app disponibile in sei lingue.

Altre caratteristiche di rilievo di questo conto online sono i notevoli livelli di sicurezza, un aspetto considerato sempre più importante per i consumatori. In particolare, si ricorda che i soldi depositati sul conto sono protetti da un fondo di garanzia espressamente messo in campo a protezione dei depositi dalla banca centrale dei Paesi Bassi, il quale va a coprire sino a 100mila euro.

Altra caratteristica da tenere presente, soprattutto per chi intenda godere delle peculiarità di un conto multicurrency, è poi rappresentato dalla convenienza delle commissioni applicate. Per quelle applicate alla conversione di valuta, occorre infatti notare come l’operazione sia totalmente gratuita. Una decisione derivante proprio dai costi collegati al canone mensile, il quale può variare in base alla carta scelta.

Vai sul sito ufficiale del conto multivaluta Bunq >>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *