Credito sportivo: cos’è e come funziona

Credito sportivo: cos’è e come funziona
Ultima modifica Ottobre 12, 2021

Il credito sportivo (Ics), noto anche come Istituto del credito sportivo, è una banca pubblica che concede prestiti e mutui per favorire il finanziamento dell’impiantistica sportiva.

INDICE
  1. Quando è nato il Credito Sportivo?
  2. Quali tipologie di prestito concede l’Istituto del Credito Sportivo
  3. Chi può richiedere un prestito all’Ics

Quando è nato il Credito Sportivo?

L’Istituto del Credito Sportivo è stato istituito nel 1957 e da allora, fino ad oggi, ha finanziato la costruzione e l’ammodernamento di oltre il 75% degli impianti italiani dedicato allo sport.

Fino al 2005 ha esclusivamente finanziato progetti legati al mondo sportivo.

Dal 2005 in poi, invece, finanzia anche progetti legati all’universo della cultura in generale.

L’ICS è stato sottoposto ad una lunga procedura di Amministrazione straordinaria, durata ben 6 anni.

Dal 2018 è stato finalmente introdotto il nuovo Direttivo e nominato il presidente Andrea Abodi.

Quali tipologie di prestito concede l’Istituto del Credito Sportivo

Al momento il Credito Sportivo concede 4 tipologie di finanziamenti per progetti sportivi.

Ciò significa che i prestiti erogati devono essere esclusivamente utilizzati per portare a termine progetti legati al mondo dello sport.

calcio balilla su letto di soldi

L’Istituto si riserva quindi il diritto di verificare che i prestiti concessi siano effettivamente utilizzati per gli scopi dichiarati dai beneficiari in sede di richiesta del prestito.

Vediamo quali sono i finanziamenti disponibili.

Mutuo ordinario

Il Mutuo ordinario del Credito Sportivo è un prestito richiedibile da associazioni ed enti locali pubblici e privati.

Non sono previsti limiti per gli importi erogati ed il finanziamento può essere utilizzato per sostenere le spese legate a ristrutturazione oppure l’acquisto di impianti per lo sport.

Mutuo light 2.0

Il Mutuo Light, a differenza di quello ordinario, prevede un importo massimo di 60.000 euro. I progetti finanziabili possono essere finalizzati all’acquisto di attrezzatura sportiva ed alla ristrutturazione o all’acquisto di impianti sportivi.

Può essere richiesto da associazioni, enti locali e pubblici.

 

Chi può richiedere un prestito all’Ics

Ecco di seguito i soggetti pubblici e privati che possono richiedere un mutuo presso l’Istituto del Credito Sportivo:

  • Comuni;
  • Province;
  • Regioni;
  • Enti pubblici;
  • Società;
  • Associazione sportiva;
  • Ente di promozione sportiva.

3 risposte a “Credito sportivo: cos’è e come funziona”

  1. giovanni ilari ha detto:

    buona sera non è un commento ma una richiesta di aiuto, mi chiamo Giovanni Ilari e sono assessore nel comune dell’ appennino di Monchio delle Corti ( PR), come tutto l’appennino lo spopolamento è il soggetto principale, noi creando un centro sportivo possiamo portare del turismo e molto, e qundi assicurare posti di lavoro, che assieme ad altri progetti che abbiamo, non vorremmo accompagnare il moribondo, ma provare ad arrestare questo spopolamento e magari invertire la tendenza.

    • Roberta De Simone ha detto:

      Buongiorno Giovanni.
      Si assolutamente lo spopolamento è un bel problema ed è bello che la politica locale sia molto sensibilizzata su questo aspetto.
      Avete valutato l’europrogettazione?

  2. Simone ha detto:

    salve,
    sono un giovane imprenditore e vorrei aprire un impianto di wakeboard vicino a bologna a Castel san pietro terme mi potete aiutare a capire come faccio a richiedere dei finanziamenti? e se c’e’ qualcosa nel mio contesto.

    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.