Imposta di bollo sui libretti postali: è sempre obbligatoria?

E’ obbligatorio pagare l’imposta di bollo sui libretti postali?

La risposta è “dipende”.

In questo articolo andremo a scoprire in quali situazioni è possibile non pagare quest’imposta e in quali è invece assolutamente obbligatoria.

Ecco l’indice degli argomenti che troverai in questo articolo:

Quanto costa l’imposta di bollo sui libretti postali?

Partiamo col precisare che l’ imposta di bollo è prevista, oltre che sui libretti postali, anche sui conti correnti e altre tipologie di investimenti.

Prima che tu decida di aprire un libretto di risparmio postale è bene che conosca tutte le spese a cui andrai incontro, in particolare quelle fisse.

L’imposta di bollo sui libretti postali ricade proprio in questo genere di costi ed ammonta a €34,20 annui per le persone fisiche.

I bolli sono addebitati trimestralmente (pari a 8,55 a trimestre), mentre per le persone giuridiche il costo sale addirittura a 100 euro l’anno.

Ma è sempre obbligatorio pagare l’imposta di bollo?

imposta di bollo sui libretti postali

In realtà no, perché tutto dipende dall’entità nel deposito.

Mi spiego meglio.

Il limite massimo entro cui è possibile non pagare l’imposta di bollo è €5000.

Ciò significa che, se per ogni trimestre la tua giacenza media con lo stesso istituto di credito (nel nostro caso le Poste)  non supera questo ammontare, non sarai obbligato a versare l’imposta di bollo.

Facciamo un esempio pratico, così da facilitare la comprensione del concetto.

Ammettiamo che tu abbia in totale 8.000 euro suddivisi  €4000 su libretto postale e €4000 su un conto corrente postale.

In questo caso  non sarai tenuto a versare nessun imposta di bollo.

Nessuna delle due giacenze raggiunge  i 5000€.

Se invece avessi a disposizione €6000 sul libretto postale e 2000 su conto corrente cosa succederebbe?

In questo caso saresti obbligato a pagare l’imposta di bollo sul libretto postale ed anche sul conto corrente.

La giacenza di 6000€, quindi superiore alla soglia dei 5000€, fa dunque scattare l’obbligo dell’imposta di bollo su entrambi solo se vi è la stessa intestazione.

Cosa s’intende per identica intestazione?

cointestazione giacenze

 

Le giacenze depositate su libretti, conti o altri prodotti postali, infatti, andranno sommate solo se intestate ai medesimi soggetti.

Cosa significa?

Se, ad esempio, disponi di un libretto postale intestato solo a te e di un conto corrente postale cointestato con un altro soggetto, in questo caso le due giacenze non vanno sommate e saranno indipendenti l’una dall’altra.

Perché? Semplice.

Non sussiste il principio di cointestazione, perché le intestazione delle due giacenze non sono identiche, non coincidono.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Torna su