Imprenditoria femminile fondo perduto: come e dove trovare finanziamenti

Prima di proseguire con la lettura dell’articolo, ti ricordo che hai tempo fino al 31 dicembre 2019 per accedere ai finanziamenti per imprenditoria femminile previsti dal Protocollo d’intesa per lo sviluppo e la crescita delle imprese femminili.

Nello specifico, ecco i programmi di finanziamenti a cui puoi accedere:

  • Investiamo nelle donne, adatto ad imprenditrici che desiderano ampliare e migliorare le loro attività;
  • Donne in start-up, dedicato alla generazione delle nuove imprenditrici che voglio avviare un’azienda;
  • Donne in ripresa, pensato per le imprenditrici in difficoltà che hanno bisogno di un sostegno economico per rimettersi in corsa.

Detto questo, prosegui pure con la lettura di questa guida, dove scoprirai tutti gli strumenti di finanza agevolata a cui può accedere un’impresa al femminile.

I finanziamenti per l’imprenditoria femminile a fondo perduto, messi a disposizione da enti regionali, statali ed europei, sono ormai tantissimi.

L’esigenza di sostenere le donne imprenditrici nasce dalla galoppante crescita dell’imprenditoria femminile che oggi riesce a creare oltre 3 milioni di posti di lavoro!

Ricorda che i finanziamenti a fondo perduto rappresentano una preziosa agevolazione che non prevede restituzione, come invece accade per i prestiti.

Il meccanismo per l’ottenimento di questo genere di finanziamenti alle imprese femminili è molto semplice:

  • Trovi il bando che fa al caso tuo;
  • Partecipi al bando presentando domanda e tutta la documentazione richiesta;
  • Se ricevi il finanziamento non hai alcun obbligo di restituire la somma in denaro che hai ricevuto.

Se non vuoi farti scappare l’opportunità di cogliere tutte le agevolazioni per l’imprenditoria femminile disponibili per le aziende al femminile continua a leggere questa guida.

Se invece hai domande, dubbi o curiosità lascia pure un commento alla fine di questo articolo.

Ecco l’indice dei contenuti che troverai in questo articolo:

Cosa s’intende per imprenditoria femminile?

Prima di scoprire come trovare i finanziamenti per l’imprenditoria femminile a fondo perduto, voglio spiegarti cosa intendiamo per imprenditoria in rosa.

Devi sapere che esiste un legge del 1992( legge 25 febbraio 1992 n°21) che indica dei requisiti numerici utili ad identificare un’azienda al femminile.

Il concetto fondamentale per qualificare un’attività imprenditoriale in rosa è che l’imprenditrice (in caso di ditte individuali) o la maggioranza della compagine societaria (in caso di società) devono appunto essere donne.

Ma scopriamo nello specifico i requisiti numerici che identificano un’impresa femminile.

Chi può richiedere i finanziamenti per imprenditoria femminile?

Oltre alle imprese individuali gestite da una donna, sono considerate aziende in rosa:

  • Le società cooperative o le società di persone la cui compagine societaria sia composta da almeno il 60% da donne;
  • Le società di capitali in cui i due terzi del capitale societario sia stato apportato da donne ed il cui consiglio di amministrazione sia composto per almeno i due terzi da donne.

Se la tua azienda presenta questi requisiti, allora sei nel posto giusto.

Ricorda che le caratteristiche appena descritte, devono rimanere tali fino a 5 anni dopo la presentazione della domanda per accedere ai fondi a favore della tua azienda.

Bene, a questo punto siamo pronti per scoprire in che modo i finanziamenti per l’imprenditoria femminile fondo perduto possono aiutare la tua attività a crescere.

Leggi anche: “Finanziamenti a fondo perduto, cosa sono

Imprenditoria femminile fondo perduto: dove trovare i bandi sempre aggiornati

Per cogliere in tempo tutti i bandi a fondo perduto per le imprese al femminile devi costantemente aggiornarti in merito alle opportunità disponibili di volta in volta.

Esistono una serie di portali online molto utili che raccolgono tutte le opportunità divise per:

  • settore di attività
  • requisiti d’età
  • ente che promuove il bando.

Il portale di Union Camere dedicato alle imprese al femminile

Il primo sito da consultare è senza dubbio il portale di Union Camere, istituito nel 1999, che da allora si occupa di promuovere la nascita di Comitati per l’imprenditoria femminile in ogni Camera di Commercio.

Qui troverai i bandi dedicati alle imprese in rosa, compresi i finanziamenti per l’imprenditoria femminile fondo perduto, quando disponibili.

Invitalia

È l’agenzia per lo sviluppo, gestita dal Ministero dell’Economia, che ha come obiettivo quello di attirare investimenti e promuovere lo sviluppo delle imprese.

A tale scopo ha il compito di gestire tutte le sovvenzioni statali pensate per promuovere l’imprenditorialità delle imprese che operano sul territorio nazionale, soprattutto start up e imprese innovative.

Dalla sezione Creiamo nuove aziende puoi consultare tutti i programmi di finanziamento disponibili in un dato momento.

A questo proposito potrebbe interessarti il nostro articolo su Resto al Sud, un progetto di Invitalia che mira a finanziare le nuove aziende del sud.

Imprenditoria femminile fondo perduto

Potrebbe accadere che in un dato momento i bandi per imprenditoria femminile fondo perduto non siano disponibili.

Potresti anche trovarti nella situazione in cui i bandi ancora aperti non rientrino nell’ambito di attività della tua impresa (per territorialità, spese ammissibili o tipologia di attività, ad esempio).

Beh in questo caso non dovresti arrenderti ma guardare oltre e cercare tra le altre numerose forme di finaziamento pensate per le aziende in rosa.

Sappi che la principale piattaforma che dovrai tenere costantemente monitorata per non perdere nessuna di queste opportunità è Invitalia.

Nuove imprese a tasso zero

È una forma di agevolazione statale istituita con il decreto legislativo 185 del 2000 che, grazie alle modifiche introdotto nel 2005, è stata estesa a tutte le donne a prescindere dall’età.

Si tratta infatti di un incentivo originariamente pensato solo per i giovani fino ai 35 anni ma, in presenza di imprenditrici, il limite di età viene meno.

Ciò significa che oggi, anche se sei un’imprenditrice di 50 anni, puoi usufruire dell’incentivo.

Quali sono le caratteristiche dell’agevolazione?

Scopriamole:

  • Non si tratta di un finanziamento a fondo perduto. L’incentivo mira a concedere prestiti a tassi agevolati;
  • Puoi presentare domanda solo se la tua impresa è stata costituita da un massimo di 12 mesi. Questo perché l’intervento mira a sostenere imprese nate da poco.

Accedi allarea dedicata all’incentivo sul portale di Invitalia per saperne di più.

Smart e Smart

È una forma di agevolazione pensata esclusivamente per le start up innovative iscritte nella sezione speciale del Registro delle Imprese.

Anche in questo caso le imprese al femminile godono di un particolare occhio di riguardo.

Le aziende in rosa, infatti, possono usufruire di un finanziamento agevolato senza alcun interesse, per un importo non superiore al 1,5 milione di euro e pari al 80% delle spese e dei costi ammessi dal programma Smart e Smart.

Per le aziende non al femminile questa percentuale scende al 70%.

Per saperne di più accedi qui.

Fondo di Garanzia riservato alle PMI femminili

Come già saprai, quando richiedi un prestito l’ente che eroga il finanziamento (ad esempio la banca) richiede una garanzia, che sia di tipo reale (verso un bene, come una casa) o personale (una terza persona garantisce per te).

A cosa serve la garanzia? A tutelare chi ti presta del denaro qualora tu non riesca ad onorare il debito.

E se fosse lo Stato a garantire per te?

A tale scopo la Presidenza del Consiglio dei Ministri ed il Ministero delle Pari Opportunità, nel 2013, hanno dato vita al Fondo di Garanzia.

Il vantaggio per le imprese al femminili consiste nell’ottenimento di una garanzia pubblica che copre l’80% del finanziamento totale richiesto dall’impresa.

Oltre alla garanzia diretta (concessa in via diretta a banche ed intermediari) è possibile usufruire di:

  1. agevolazioni sotto forma di cogaranzia (concessa direttamente a banche e intermendiari in presenza di garanzie concesse da altri enti);
  2. controgaranzia (concessione di una garanzia sulle garanzie concesse da Confidi o altri Fondi).

Per altre informazioni e per accedere all’agevolazione visita il sito http://www.fondidigaranzia.it/

Le altre tipologie di finanziamenti per l’imprenditoria femminile

A partire dal 2014 l’ABI, in collaborazione con il Governo, le principali associazioni imprenditoriali italiane ed il Ministerero dell’Economia, ha posto in essere una serie di azioni a favore delle imprese in rosa sparse sull’intero territorio nazionale.

All’iniziativa hanno aderito alcune banche (come Banca Carim, UBI, Banca popolare di Bari ed Intesa San Paolo) presso cui le imprese femminili possono ottenere prestiti a condizioni agevolate.

A sostegno di questa manovra c’è anche il Fondo di Garanzia, costituito proprio per favorire la nascita e lo sviluppo delle piccole e medie imprese al femminile.

Sul sito dell’abi puoi trovare tutte le informazioni utili su quest’iniziativa, che è stata prorogata fino al 31 dicembre 2019.

Imprenditrici oggi

Altra iniziativa molto interessante per favorire l’accesso al credito delle imprese femminili italiane è “Imprenditrici Oggi”.

Si tratta di un progetto posto in essere dal Ministero delle Pari Opportunità, che permette:

  • di accedere a finanziamenti garantiti dallo Stato, fino al 80%, grazie al Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese (Sezione speciale);
  • di avere accesso a finanziamenti con condizioni agevolati da parte delle banche aderenti all’iniziativa (Protocollo d’intesa).

Per partecipare al bando di Imprenditrici Oggi (sia alle agevolazioni della Sezione Speciale che al Protocollo d’Intesa) non esiste nessun limite di età.

Basta essere in possesso dei requisiti necessari per qualificarsi come imprese femminili.

L’unica limitazione riguarda l’attività svolta dall’azienda che richiede l’accesso ai finanziamenti della Sezione Speciale.

Per conoscere tutti i dettagli dell’iniziativa, dai un’occhiata a questa pagina.

Fondi europei a fondo perduto per le piccole e medie imprese

Un altro strumento da prendere in considerazione per finanziare la tua attività imprenditoriale, sono senza dubbio i finanziamenti europei a fondo perduto.

Per tutti i dettagli a riguardo visita questa pagina, dove troverai  tutte le informazioni di cui necessiti sul COSME, ovvero il piano d’azione messo appunto dall’UE per favorire la competitività delle piccole e medie imprese europee.

Associazioni e rappresentanze di imprenditrici

La crescita di tante nuove realtà imprenditoriali al femminile (che andremo ad analizzare nel dettaglio all’interno del prossimo paragrafo), ha portato alla nascita di moltissime associazioni di imprenditrici in Italia.

Conoscere queste realtà e farne parte è importante perché permette all’imprenditrice di confrontarsi con altre realtà aziendali, arricchendo la propria visione imprenditoriale o avviando interessanti collaborazioni.

Ecco alcune delle associazioni e rappresentanze di imprenditrici sparse in giro per l’Italia:

Imprenditoria femminile fondo perduto: un’alternativa è il crowdfunding

Un’altra opportunità interessante, diversa dai finanziamenti per imprese a fondo perduto ed a cui possono accedere indistintamente imprenditrici o imprenditori, è il crowdfunding.

Si tratta di uno strumento che rientra nell’ambito della finanza agevolata e che permette di raccogliere i fondi necessari per finanziare la propria idea imprenditoriale attraverso una piattaforma online.

Gli step sono:

  • Presenti il tuo progetto ed attendi che la piattaforma lo approvi;
  • Gli investitori interessati alla tua idea imprenditoriale finanzieranno il tuo progetto.

Crowdfunding in inglese significa letteralmente “raccogliere fondi dalla folla”. La traduzione letterale del termine descrive la vera essenza di questo prezioso strumento su cui, in questo articolo, non mi dilungherò più di tanto.

Se ti interessa l’argomento, devi assolutamente leggere le guide che ho preparato a riguardo.
Ti lascio i link per accedervi, qui in basso:

A che punto si trova lo sviluppo dell’imprenditoria femminile in Italia?

Dagli anni 90, in seguito all’introduzione della legge 215 del 25 febbraio 1992, lo Stato si è accorto di quanto l’imprenditoria in rosa avesse urgentemente bisogno di interventi mirati di sostegno.

Da allora sono passati oltre vent’anni e, complice anche l’evoluzione sociale del nostro Paese che ha reso le donne sempre più importanti per il comparto produttivo e imprenditoriale italiano, le cose sono nettamente migliorate.

Solo nel 2017 sono nate oltre 10mila aziende a conduzione femminile che portano il numero totale di imprese in rosa presenti in Italia ad oltre 331mila.

Certo, parliamo ancora di una percentuale non soddisfacente (siamo intorno al 21,76%)  se confrontata con il numero di aziende al maschile.

Ma si tratta comunque di un quadro più che incoraggiante, contando che nel 2014 il dato percentuale era al 17%.

Nel 2019 la situazione è nettamente migliorata.

Una ricerca condotta da Union Camere, ha addirittura rilevato che le imprese al femminile hanno creato oltre 3 milioni di posti di lavoro.

Un risultato sorprendente ed incoraggiante, che lascia prevedere un futuro più che florido per le imprenditrici italiane di oggi e del futuro.

Statisticamente le attività imprenditoriali  in cui le donne scelgono maggiormente di concentrarsi sono la cura della persona, il turismo e le attività professionali, anche se negli ultimi anni il ventaglio di settori scelti dalle imprenditrici italiane si è notevolmente ampliato.

Se non riesci ad ottenere un finanziamento a fondo perduto cosa puoi fare?

Se nel momento in cui necessiti di un finanziamento per avviare la tua attività non riesci a trovare un bando adatto a te oppure ti viene rifiutata la richiesta, non devi perderti d’animo.

Oltre alla possibilità del crowdfunding puoi chiedere un prestito presso una banca o una finanziaria.

A tal proposito ho preparato una guida che ti spiega per filo e per segno come ottenere un finanziamento ed i requisiti essenziali, per farlo nel migliore dei modi.

Prima di salutarci, ti invito a consultare tutti gli articoli che abbiamo dedicato ai finanziamenti alle imprese, sperando che ti siano di aiuto.

Hai domande o dubbi?

Scarica la nostra guida gratuita sui finanziamenti a fondo perduto 🙂

Clicca qui in basso, la riceverai tra pochi minuti via mail!

36
Lascia una recensione

avatar
15 Comment threads
21 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
18 Comment authors
Angela LoprioreSaran DanielaMartina CalugiFrancesca pilichiNAJAT Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Saran Daniela
Ospite
Saran Daniela

Vorrei essere contattata

Angela Lopriore
Admin

Vai pure sulla nostra pagina dei contatti e scrivici lì.
Ma non essere generica, devi essere più specifica possibile.
A dopo

Martina Calugi
Ospite
Martina Calugi

Buongiorno, sarei interessata ad avviare una struttura nella mia zona inerente lo sviluppo e l’educazione della persona attraverso l’educazione del corpo, tra cui corsi di difesa personale, poiché sono un insegnante di judo e mga. Rientrano nei progetti finanziabili o che possono usufruire del fondo perduto? Cordiali saluti

Angela Lopriore
Admin

Ciao Martina,
Ne possiamo parlare, però ci devi dare più info possibili come età, regione, se hai fatto un business plan e se hai dei tuoi fondi a disposizione per fronteggiare eventuali altre spese non previste. Quindi vai pure sulla nostra pagina dei contatti e scrivici lì.
A dopo

Francesca pilichi
Ospite

Vorrei essere contattata!

Angela Lopriore
Admin

Ciao Francesca
Compila il form che trovi nella nostra pagina contatti 🙂
A presto
Angela

NAJAT
Ospite
NAJAT

Salve, vorrei essere contatta per creare una nuova azienda agri-culturale, che consiste diverse attività tradizionale, in genere nuove idea culturale… chiedo un finanziamento a fondo perduto per donna ? Il progetto ha un aspettativa di rentabilita garantita à tutte le attività previste.

Angela Lopriore
Admin

Najat, hai già sviluppato un business plan?

NAJAT
Ospite
NAJAT

Per il busness plan credo di si doppo l accordo … ho bisogno solo un finanziamento a fondo perduto garantito con commissioni, vuol dire se mi garantite il finanziamento e accompagnamento per il mio progettò avete certamente la vostra percentuale grazie Angela..il mio contatto 3518259829
Il progetto e convnzionato….

corrado
Ospite
corrado

Buon giorno, vorrei sapere se mia mamma che ha quasi 80 anni potrebbe rientrare nei parametri per un finanziamento. Vorrebbe aprire un franchising di ottica come titolare unica e far lavorare me come direttore tecnico e mia sorella come addetta vendita. Con due opzioni di location Lombardia o Sardegna.
Grazie

Angela Lopriore
Admin

Perché tua madre e non voi?

Corrado Vaccarecci
Ospite
Corrado Vaccarecci

Perché io ho 42 anni e mia sorella non vuole chiederlo a nome suo…quindi potrebbe chiederlo?

Claudia
Ospite
Claudia

Salve vorrei sapere se un attività in franchising rientra nelle possibilità del fondo perduto di imprenditoria femminile ,si tratterebbe di un negozio di vendita di caffè,ho 32 anni senza capitale da avanzare

Angela Lopriore
Admin

Claudia anche se a fondo perduto un minimo di disponibilità economica è necessaria per partire. Questo a prescindere dall’atività

Terry
Ospite
Terry

Salve. Avrei intenzione di rilevare una ditta di confezioni che ha chiuso per cessione attività. Sono una donna di 37 e le dipendenti dell’ ‘azienda in questione sono tutte donne. La ditta di trova in Abruzzo. Che possibilità avrei? Grazie.

Angela Lopriore
Admin

Ciao Terry.
Hai fatto un business plan? Ci sono elementi di innovatività? Ti serve il 100% oppure hai un po’ di soldi?

Charlotte
Ospite
Charlotte

Buongiorno,premettendo che l’articolo mi è molto utile perché chiaro ed esaustivo,pongo lo stesso un paio di quesiti.Sono una donna di 51 anni di Milano che vorrebbe aprire un asilo per cani a Milano.Ho i requisiti per accedere ai finanziamenti a fondo perduto pur avendo già un lavoro a tempo indeterminato?lo aprirei con una mia amica che è educatrice cinofila,io ho un attestato di pet theraphy livello Aaa e zero soldi.
Grazie molte.

Angela Lopriore
Admin

Ciao Charlotte.
I finanziamenti a fondo perduto però non coprono mai il 100% delle spese quindi è sempre bene avere comunque qualcosa da parte.
Ad esempio i soldi per i primi mesi di attività, il notaio, i costi pubblicitari ecc… comunque ti servono.
In alternativa potesti valutare il crowdfunding. 🙂

Charlotte
Ospite
Charlotte

Buongiorno,Allora sara’ meglio per me prendere in considerazione il crowdfunding.La ringrazio molto.

Angela Lopriore
Admin

Sul nostro sito ci sono diversi articoli e se hai bisogno di info scrivici pure in privato 🙂

Anna Gubbiotti
Ospite
Anna Gubbiotti

Buonasera,io vorrei avviare un attività artigianale che preveda al suo interno l’ uso di due laboratori,uno sartoriale, per la produzione di biancheria per la casa,l’ altro per realizzare oggettistica per la casa, quindi decorazione di porcellane e ceramiche. Vorrei organizzare all’ interno dello stesso, anche piccoli corsi aperti a tutti adulti e bambini.Il mio unico enorme problema è che non avendo la capacità finanziaria e garanzie per richiederne, ho paura che resti solo un sogno non realizzato.Chiaramente ho sia decennali competenze sartoriali che di decorazione alle spalle.Grazie.

Angela Lopriore
Admin

Ciao Anna,
Cosa intendi che non hai capacità finanziaria? E dove si trova l’attività che vorresti aprire?

Maria iannaccone
Ospite
Maria iannaccone

Buonasera vorrei sapere se una volta avuto l’ ok al progetto devo anticipare le spese prima dell’effettivo accredito. Grazie

Angela Lopriore
Admin

Ciao Maria, in genere no.

Mihaela mocanu
Ospite
Mihaela mocanu

Salve siamo due giovane donne e vorremo aprire una pizzeria rosticeria,dove dovvremo presentare domanda. C’e un sito dove andare a vedere piu informazioni e la documentazione necesaria?. Grazie

Carolina Vecchi
Ospite
Carolina Vecchi

Salve buongiorno io vorrei sapere se bisogna avere dei garanti per avere questi fondi perché essendo una nuova impresa io non ne ho . Ho la speranza di aprirmi questa attività da una vita a spero in questo progetto

Angela Lopriore
Admin

Ciao Carolina,
Non c’è bisogno di avere dei garanti perché si guarda l’idea imprenditoriale e la sua fattibilità 🙂

Michela
Ospite
Michela

Angela può dirmi cortesemente se una tabaccheria può rientrare in qualche fascia di finanziamento???
Sono una donna e mi piacerebbe rilevarne una.

Angela Lopriore
Admin

Ciao, Che io sappia non sono un grande investimento le tabaccherie. Hanno pochissimo margine ormai e sarebbe meglio presentare una domanda con un minimo di innovatività

la primula zampolini pamela
Ospite
la primula zampolini pamela

salve vorrei sapere se fondi perduto possono usufruire anche per l”aquisto di un immobile per ampliare la propria attivita sono dell”Umbria e sono una donna mi fate sapere buona sera

Angela Lopriore
Admin

Ciao Pamela,
Di quale attività si tratta?

Flavia Barberi
Ospite
Flavia Barberi

Buona sera, vorrei sapere se questi fondi valgono solo sul territorio nazionale o anche sul territorio europeo? Sarebbe quindi possibile aprire un’attività in europa accedendo in Italia ai finanziamenti?

Angela Lopriore
Admin

I fondi vengono stanziati per sviluppare un territorio quindi parliamo di stanziamenti sul territorio italiano.
Se invece vuoi fare qualcosa fuori dall’Italia prova ad andare sul sito dei finanziamenti europei e magari troverai qualcosa che possa fare al caso tuo.
Angela

Matteo Zanon
Ospite
Matteo Zanon

Buonasera. Se l’azienda aperta con i fondi europei ricevuti dovesse fallire o, per altri motivi, chiudere prima dei 5 anni, cosa comporterebbe? Ci deve essere una restituzione del capitale o altri oneri? Grazie per la disponibilità

Angela Lopriore
Admin

Ciao Matteo, devi comunque restituire il capitale, poi dipende dal tipo di finanziamento a fondo perduto. A quale finanziamento in particolare ti riferisci

Matteo Zanon
Ospite
Matteo Zanon

Ad una ludoteca

Torna su