Assicurazione a km: conviene oppure no?

assicurazione a km

Negli ultimi anni, al fine di andare incontro alle esigenze personali degli automobilisti, le compagnie assicurative, sempre più spesso, propongono, in alternativa alle classiche polizze assicurative auto, l‘assicurazione a km.

Tale soluzione è rivolta a tutti quei clienti che percorrono, durante l’anno un numero basso di km e per i quali, di conseguenza, risulta estremamente dispendiosa la stesura di una polizza classica; questo tipo di polizza, infatti, prevede degli sconti,anche piuttosto vantaggiosi, sui premi basandosi,però, su un numero limitato di km percorsi nel corso dell’anno.

Come funziona l’assicurazione auto a km

La compagnia assicurativa scelta stabilisce il chilometraggio massimo da poter percorrere in un anno, generalmente 5000 km; nel momento in cui il cliente rimane entro questa soglia, si vedrà riconosciuto un notevole sconto sul premio RCA.

Lo sconto, in questi casi, può raggiungere anche il 50% sulla tariffa standard.

E’ evidente, quindi, che il risparmio economico sia davvero elevato, a patto, però, che il cliente tenga costantemente monitorati e sotto controllo i chilometri percorsi; qualora questo venga superato, infatti, il cliente si vedrà addebitato un sovrapprezzo, spesso abbastanza oneroso.

Perché la scatola nera è importante

Si tratta di un dispositivo satellitare con tecnologia gps, utile per registrare i km percorsi; nel caso di polizza auto a km la scatola nera risulta essere di fondamentale importanza per tenere il chilometraggio sotto stretto controllo.

L’istallazione della scatole nera avviene, solitamente entro 15 gg dalla stipula del contratto ed è obbligatoria. Questo dispositivo viene fornito in comodato d’uso con costi di noleggio compresi nei costi assicurativi.

Cosa succede se superi il kilometraggio fissato?

Nel caso in cui si superi il limite dei chilometri stabiliti in fase di stipula del contratto assicurativo, la compagnia può applicare una penale per ogni km percorso in esubero; in alternativa sarà possibile tornare ad una polizza di tipo classico.

E’, quindi, di fondamentale importanza, ponderare attentamente l’ipotesi della polizza a km. Se, infatti, in prima battuta, l’evidente risparmio è allettante, è necessario essere estremamente minuziosi in fase di monitoraggio, onde evitare di vanificare il risparmio.

Quali valutazioni conviene fare

Se la polizza a km risulta essere un’assicurazione auto low cost è comunque necessario fare delle attente valutazioni in fase di scelta, prima, cioè di passare all’effettiva firma del contratto.

Primo aspetto da valutare è l’effettivo e reale chilometraggio percorso durante l’anno; per effettuare questo controllo, potrebbe essere utile calcolare la percorrenza, e quindi i km percorsi, durante gli spostamenti avvalendosi di strumenti specifici quali, ad esempio, Google Maps.

In questo modo sarà possibile capire se, effettivamente, l’RCA a km è la soluzione giusta.

Per quanto riguarda, poi la scatola nera che dovrà essere installata sull’auto, è necessario tenere in seria considerazione l’aspetto relativo alla privacy. Questi dispositivi, infatti, non sono pensati solo per calcolare il numero dei km effettuati, ma sono in grado di monitorare ogni spostamento fatto dalla vettura, i percorsi, le soste, la velocità media; tutto quello,cioè, che riguarda gli spostamenti ed i movimenti fatti dalla vettura.

E’ in questo senso che, alcuni clienti, si rivelano cauti, non essendo, magari disposti a fornire questo tipo di informazione. Di contro, però, la scatola nera si rivela utilissima e molto efficace in caso di sinistro. Il gps integrato, infatti, permette di rilevare eventuali incidenti e di provvedere autonomamente all’invio di aiuti e soccorsi, potendo contare su una localizzazione precisa e puntuale.

Tale aspetto è, senza dubbio estremamente rassicurante e vantaggioso, in grado di dare al conducente sicurezza e tranquillità.

Una volta presi in considerazioni tutti gli aspetti, sia economici che pratici, di questa soluzione assicurativa, sarà possibile fare una scelta lucida e consapevole, avendo una chiara panoramica dei pro e dei contro riguardo alla polizza.

La quasi totalità delle compagnie assicurative, ad oggi, da la possibilità ai potenziali clienti di optare per questa soluzione, consapevoli del fatto che l’aspetto economico, ad oggi è fondamentale.

Essendo, di solito, un costo molto oneroso per le famiglie, l’investimento sulle polizze assicurative, ad oggi, è costantemente messo sotto la lente di ingrandimento di tutti coloro che, pur non potendo ovviare all’uso dell’auto, pongono un’attenzione particolare e capillare alle varie offerte presenti sul mercato, disposti, magari a limitare l’uso del veicolo in virtù di un consistente risparmio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here