Conto corrente per associazioni

Se hai aperto o stai per aprire un’associazione è molto importante avere un conto corrente per due ragioni.

Il conto corrente per le associazioni è obbligatorio per legge ed in particolare per le ONLUS che sono soggette a controllo molto stringenti in tema di normativa antiriciclaggio.

Quindi avere un conto corrente permette di rendere trasparente l’operatività qualora ci siano dei controlli.

Inoltre alcune banche o società finanziarie offrono conti gratuiti o con spese molto basse  anche per le associazioni, per cui sarebbe imperdonabile non aprire un conto dedicato.

In quali casi il conto corrente non ti conviene

Se il conto corrente lo utilizzi solo tu vanno benissimo i classici conti correnti che puoi aprire in banca.

Non c’è bisogno di particolari operatività e con l’apertura del conto ti verrà recapitata automaticamente una carta che ti permette di fare le operazioni e avere tutto sotto controllo.

Se il conto corrente viene invece utilizzato da più persone allora la soluzione migliore è quella di richiedere delle carte prepagate per associazioni come Soldo.

Avrai un conto aziendale associato ad un wallet da cui potrai ricaricare tutte le carte prepagate associate al conto stesso.

Le carte prepagate Soldo

Le carte Soldo rappresentano la soluzione migliore se all’interno dell’associazione siete in più persone a gestire il denaro dell’ente.

Ogni socio potrà disporre di una prepagata su cui verrà caricato un budget prestabilito da voi, per sostenere tutte le spese necessaria al corretto svolgimento dell’attività dell’associazione.

Inoltre con il piano Soldo Pro è possibile scaricare in tempo reale tutte le ricevute delle spese per mantenere la contabilità sempre aggiornata in modo semplice e comodo, senza perdere tempo.

Inoltre è anche possibile richiedere l’emissione di carte non nominative da assegnare a team o progetti specifici.

carta soldo

Quanto costano i conti per un’associazione

I conti delle associazioni non hanno bisogno di particolari operatività e le spese da guardare sono principalmente:

  •  canone del conto corrente, 
  • spese variabili di registrazione operazione
  • Commissioni per i bonifici
  • Spese per domiciliazione utenze

Considera le spese della domiciliazione delle utenze anche se, ad esempio, devi collegare Paypal, in quanto le banche agli addebiti di paypal potrebbero applicare  la commissione delle utenze.

Non utilizzare il conto personale per le faccende dell’associazione

Per rispettare alla lettera la normativa antiriciclaggio, non ti conviene assolutamente utilizzare il conto personale per l’operatività dell’associazione.

Potresti incappare in verifiche proprio perché non di rado le associazioni sono state utilizzate per compiere illeciti dal punto di vista dell’antiriciclaggio. 

Quindi adesso che sai che le associazioni hanno i riflettori puntati tieni tutto in ordine dal punto di vista delle transazioni.

Collegare una carta prepagata al conto dell’associazione

Per avere delle carte prepagate al conto corrente è molto interessante sottoscrivere Soldo, che ti permette di collegare diverse carte a seconda dei soci che hanno funzioni all’interno dell’associazione.

Inoltre tieni le spese monitorate in un’unica piattaforma, da app o web console. Il massimo per un associazione!

carta soldo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui