Le polizze vita sono davvero impignorabili e non sequestrabili?

Le polizze vita sono davvero impignorabili e non sequestrabili?
Ultima modifica Settembre 19, 2021

A proposito dell’impignorabilità delle polizze vita, l’articolo 1923 del codice civile recita testualmente “Le polizze vita sono impignorabili e insequestrabili“.

Tuttavia, per evitare che le polizze vita potessero rappresentare un mezzo per blindare il patrimonio a svantaggio dei propri creditori, il comma 2 dello stesso articolo prevede delle eccezioni alla regola dell’impignorabilità.

Da quando le polizze vita possono essere pignorabili e sequestrabili

Molti siti ribadiscono la questione dell’assoluta impignorabilità ed insequestrabilità delle polizze vita.

In realtà le cose non stanno proprio così.

Questo perché dal 2000 la giurisprudenza italiana ha iniziato a porre particolare attenzione sulle eccezioni a tale regola.

In quali casi la polizza può essere pignorata e sequestrata?

Le polizze vita sono impignorabili e insequestrabili fino a quando hai sottoscritto la polizza vita senza avere come fine quello di danneggiare un creditore o un erede. 

Nel momento in cui è palese che la sottoscrizione della polizza va a ledere il diritto di un erede o un creditore, essa è pignorabile ed anche sequestrabile.

Ciò significa che, se la polizza viene sottoscritta prima dell’accensione di un debito, l’intenzione di ledere un proprio creditore non sussiste e qui la polizza rimane impignorabile.

Se invece viene sottoscritta dopo aver contratto un debito, diventa pignorabile e sequestrabile.

Stesso discorso vale in caso di successione ereditaria.

Le polizze vita non rientrano nell’asse ereditario ma non possono ledere le quote di legittima degli eredi.

La guida completa sulle assicurazioni vita

Approfondisci il funzionamento delle polizze vita grazie alla nostra guida sulle assicurazioni vita ed a tutte le tipologie attivabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.