Passaggio auto tra familiari: come funziona

Il passaggio auto tra familiari comporta la chiusura della vecchia polizza per crearne una nuova.

Questo perché avviene un passaggio di proprietà a tutti gli effetti.

Se il passaggio di proprietà ha luogo tra genitore e figlio, il costo da sostenere potrebbe essere elevato.

La prima cosa da fare quindi è quella di utilizzare il decreto Bersani, ovvero la possibilità che il nuovo assicurato prenda la classe di merito più bassa all’interno dello stato di famiglia.

La compagnia assicurativa chiederà copia dello stato di famiglia per poter applicare il decreto Bersani. 

Il costo della polizza sarà uguale 

Purtroppo, però, anche in presenza di un passaggio di proprietà tra familiari con stessa classe di merito, non è detto che il premio della nuova polizza Rca sarà uguale a quello della vecchia polizza.

Per questo motivo, prima di mettere in pratica il passaggio chiedi un preventivo e verifica che sussista effettivamente un convenienza economica.

Leggi anche: “Come conoscere la tua classe di merito

Cosa succede alla vecchia polizza

Siccome nel momento in cui trasferisci l’auto non sarai più tu il proprietario dell’auto, automaticamente la polizza cessa di esistere e la compagnia assicurativa dovrà restituirti il premio non goduto.

Casi in cui la cointestazione è più conveniente del passaggio di proprietà

passaggio di proprietà auto

In alcuni casi il passaggio di proprietà auto tra familiari risulta essere meno conveniente di una cointestazione.

Ad esempio, un giovane neo patentato che non fa più parte del nucleo familiare potrebbe evitare di partire dalla 14 classe di merito, se il genitore cointestatario rinuncia alla propria classe di merito.

In questo caso specifico potrebbe essere una buona idea, quindi, cointestare l’auto tra genitore e figlio.

Passaggio auto tra marito e moglie 

L’esigenza di effettuare un passaggio auto tra marito e moglie potrebbe essere dettata dalla volontà di impedire a dei creditori di rivalersi sull’auto.

Se decidi di fare il passaggio di proprietà per evitare che l’automobile venga intaccato dai creditori, ricordati anche che eventuali azioni (il passaggio di proprietà, ad esempio) possono essere rese nulle dai giudici. 

Conclusioni 

Il passaggio di proprietà dell’auto tra familiari deve essere valutato in funzione della finalità dell’operazione.

Un’alternativa può essere rappresentata dalla cointestazione dell’auto, ad esempio, tra padre e figlio.

Inoltre se il passaggio ha come unico obiettivo quello di impedire ai tuoi creditori di rivalersi sull’auto, un giudice potrebbe rendere nullo quel trasferimento di proprietà.

Infine ricorda che con un passaggio di proprietà avviene la chiusura di una polizza ed il rifacimento di una nuova.

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Torna su